CCNL FONDAZIONI LIRICO SINFONICHE PDF

Ccnl per i dipendenti delle fondazioni lirico sinfoniche maestri collaboratori, professori dorchestra, artisti del coro, tersicorei, quadri, impiegati ed operai. ccnl fondazioni lyreco sinfoniche pdf free. Quote. Postby JustĀ» Tue Aug 28, am. Looking for ccnl fondazioni lyreco sinfoniche pdf free. Will be. ccnl fondazioni lyreco sinfoniche pdf file. Quote. Postby JustĀ» Tue Aug 28, am. Looking for ccnl fondazioni lyreco sinfoniche pdf file. Will be grateful.

Author: Voktilar Goltikasa
Country: Panama
Language: English (Spanish)
Genre: Science
Published (Last): 7 December 2009
Pages: 491
PDF File Size: 4.3 Mb
ePub File Size: 10.16 Mb
ISBN: 888-1-13073-701-8
Downloads: 44739
Price: Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader: Voodoolrajas

Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario e bilancio pluriennale per il triennio Norme in materia di entrata e di spesa e altre disposizioni. I livelli massimi del saldo netto da finanziare e del ricorso al mercato finanziario, in termini di competenza e di cassa, di cui all’articolo 21, comma 1-ter, lettera adella legge 31 dicembren.

I livelli del ricorso al mercato si intendono al netto delle operazioni effettuate al fine di rimborsare prima della scadenza o di ristrutturare passivita’ preesistenti con ammortamento a carico dello Stato.

Al decreto-legge 4 giugnon. La medesima detrazione spetta, nella misura del 75 per cento, per le spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica relativi alle parti comuni di edifici condominiali finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano almeno la qualita’ media di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugnopubblicato nel supplemento ordinario n.

Le detrazioni di cui al presente articolo sono calcolate su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro La sussistenza delle condizioni di cui al primo e al secondo periodo del comma 2-quater e’ asseverata da professionisti abilitati mediante l’attestazione della prestazione energetica degli edifici di cui al citato decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile ENEA effettua controlli, anche a campione, su tali dichiarazioni.

La mancata veridicita’ dell’attestazione comporta la decadenza dal beneficio, ferma restando la responsabilita’ del professionista ai sensi delle disposizioni vigenti. Rimane esclusa la cessione ad istituti di credito e ad intermediari finanziari. Le modalita’ di attuazione del presente comma sono definite con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione.

La detrazione e’ ripartita in cinque quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi. Qualora dalla realizzazione degli interventi di cui ai commi 1-bis e 1-ter derivi una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore, la detrazione dall’imposta spetta nella misura del 70 per cento della spesa sostenuta. Ove dall’intervento derivi il passaggio a due classi di rischio inferiori, la detrazione spetta nella misura dell’80 per cento.

Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da adottare entro il 28 febbraiosentito il Consiglio superiore dei lavori pubblici, sono stabilite le linee guida per la classificazione di rischio sismico delle costruzioni nonche’ le modalita’ per l’attestazione, da parte di professionisti abilitati, dell’efficacia degli interventi effettuati.

Qualora gli interventi di cui al comma 1-quater siano realizzati sulle parti comuni di edifici condominiali, le detrazioni dall’imposta di cui al primo e al secondo periodo del medesimo comma 1-quater spettano, rispettivamente, nella misura del 75 per cento e dell’85 per cento. Le predette detrazioni si applicano su un ammontare delle spese non superiore a euro La detrazione di cui al presente comma, da ripartire tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo, spetta nella misura del 50 per cento delle spese sostenute ed e’ calcolata su un ammontare complessivo non superiore a Le detrazioni di cui all’articolo 16, commi 1-bis, 1-ter, 1-quater, 1-quinquies e 1-sexies, del decreto-legge 4 giugnon.

Il credito d’imposta di cui all’articolo 10 del decreto-legge 31 maggion. Sono comprese tra i beneficiari del credito d’imposta di cui al periodo precedente anche le strutture che svolgono attivita’ agrituristica, come definita dalla legge 20 febbraion. Il credito d’imposta di cui al comma 4, come prorogato e modificato dal medesimo comma, e’ ripartito in due quote annuali di pari importo e puo’ essere utilizzato a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in cui gli interventi sono stati realizzati, nel limite massimo di 60 milioni di euro nell’annodi milioni di euro nell’anno e di 60 milioni di euro nell’anno Per quanto non diversamente previsto dai commi 4 e 5 continuano ad applicarsi le disposizioni contenute nell’articolo 10 del decreto-legge 31 maggion.

Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge si provvede all’aggiornamento del decreto di cui all’articolo 10, comma 4, del citato decreto-legge n. All’articolo 10, comma 7, del decreto-legge 31 maggion.

Le disposizioni dell’articolo 1, comma 91, della legge 28 dicembren. Per i soggetti che beneficiano della maggiorazione di cui al comma 9 e che, nel periodo indicato al comma 8, effettuano investimenti in beni immateriali strumentali compresi nell’elenco di cui all’allegato B annesso alla presente legge, il costo di acquisizione di tali beni e’ maggiorato del 40 per cento. Per la fruizione dei benefici di cui ai commi 9 e 10, l’impresa e’ tenuta a produrre una dichiarazione resa dal legale rappresentante ai sensi del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembren.

La determinazione degli acconti dovuti per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre e per quello successivo e’ effettuata considerando quale imposta del periodo precedente quella che si sarebbe determinata in assenza delle disposizioni di cui ai commi 8, 9 e Resta ferma l’applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 1, commi 93 e 97, della legge 28 dicembren.

All’articolo quinquies del decreto-legge 27 giugnon. All’articolo 3 del decreto-legge 23 dicembren. Il credito d’imposta di cui al comma 1 spetta anche alle imprese residenti o alle stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti che eseguono le attivita’ di ricerca e sviluppo nel caso di contratti stipulati con imprese residenti o localizzate in altri Stati membri dell’Unione europea, negli Stati aderenti all’accordo sullo Spazio economico europeo ovvero in Stati compresi nell’elenco di cui al decreto del Ministro delle finanze 4 settembrepubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.

  JEAN PAUL SARTRE DER EKEL PDF

Le disposizioni di cui al comma 15, ad esclusione di quella di cui alla lettera fhanno efficacia a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre All’articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembren.

Il reddito d’impresa dei soggetti che, secondo le disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembren. Il reddito del periodo d’imposta in cui si applicano le disposizioni dell’articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembren. Al fine di evitare salti o duplicazioni di imposizione, nel caso di passaggio da un periodo d’imposta soggetto alla determinazione del reddito delle imprese minori ai sensi dell’articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembren.

All’articolo 5-bis del decreto legislativo 15 dicembren. Per i soggetti di cui al comma 1, che determinano il reddito ai sensi dell’articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembren.

Ai fini della determinazione della base imponibile dell’imposta regionale sulle attivita’ sinfonichr per i sinfonkche di cui al comma 1-bis dell’articolo 5-bis del decreto legislativo 15 dicembren. L’articolo 18 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembren. Le disposizioni dei precedenti articoli si applicano anche ai soggetti che, a norma del codice civile, non sono obbligati alla tenuta delle scritture contabili di cui allo stesso codice.

Tuttavia, i soggetti indicati alle lettere c e d del primo comma dell’articolo 13, qualora i ricavi indicati agli articoli 57 e 85 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembren. Per i contribuenti che esercitano contemporaneamente prestazioni di servizi e altre attivita’ si fa riferimento all’ammontare dei ricavi relativi all’attivita’ prevalente.

In mancanza della distinta annotazione dei ricavi, si considerano prevalenti le attivita’ diverse dalle prestazioni di servizi. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze sono stabiliti i criteri per l’individuazione delle attivita’ consistenti nella prestazione di servizi. I soggetti che fruiscono dell’esonero di cui al comma sunfoniche devono annotare cronologicamente in un apposito registro i ricavi percepiti indicando per ciascun incasso: Llirico essere altresi’ annotate cronologicamente, in diverso registro e con fondzioni alla data di pagamento, le spese sostenute nell’esercizio.

Per ciascuna spesa devono essere fornite le indicazioni di cui alle lettere b e c del primo periodo. I componenti positivi e negativi di reddito, diversi da quelli indicati al comma 2, sono annotati nei registri obbligatori di cui al medesimo comma 2 entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi.

I registri tenuti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto sostituiscono i registri indicati al comma 2, qualora vi siano iscritte separate annotazioni delle operazioni non soggette a registrazione ai fini della suddetta imposta. In luogo delle singole annotazioni relative a incassi e pagamenti, nell’ipotesi in cui l’incasso o il pagamento non sia avvenuto nell’anno di registrazione, nei registri deve essere riportato l’importo complessivo dei mancati incassi o pagamenti con indicazione delle fatture cui ccn, operazioni si riferiscono.

In tal caso, i ricavi fondazinoi e i costi sostenuti devono essere annotati separatamente nei registri lirkco nel periodo d’imposta in cui vengono incassati o pagati, indicando ai sensi del comma 2, lettera cil documento contabile gia’ registrato ai fini dell’imposta sul valore aggiunto. Previa opzione, vincolante per almeno un triennio, i contribuenti possono tenere i registri ai fini dell’imposta sul valore aggiunto senza operare annotazioni relative a incassi e pagamenti, fermo restando l’obbligo della separata annotazione delle operazioni non soggette a registrazione ai fini della suddetta imposta.

In tal caso, per sifnoniche di semplificazione si presume che la data di registrazione dei documenti coincida con quella in cui e’ intervenuto il liricl incasso o pagamento.

I soggetti esonerati dagli adempimenti relativi all’imposta sul valore aggiunto ai sensi dell’articolo 34 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobren. Il regime di contabilita’ semplificata previsto nel presente articolo si estende di anno in anno qualora non vengano superati gli importi indicati nel comma 1. Il contribuente ha facolta’ di optare per il regime ordinario.

L’opzione ha effetto dall’inizio del periodo d’imposta nel corso del quale e’ esercitata fino a quando non e’ revocata e, in ogni caso, per il periodo stesso e liruco i due successivi. I soggetti che intraprendono l’esercizio liriico impresa commerciale, qualora ritengano di percepire ricavi per un ammontare, ragguagliato ad un anno, non superiore ai limiti indicati al comma 1, possono, per il primo anno, tenere la contabilita’ semplificata di cui al presente articolo.

Per i rivenditori, in base a contratti estimatori, di giornali, di libri e di periodici, anche su supporti audiovideomagnetici, e per i distributori di carburante, ai fini del calcolo dei limiti di ammissione ai regimi semplificati di contabilita’, i ricavi percepiti si assumono al netto del prezzo corrisposto al fornitore dei predetti beni.

Per le cessioni di generi di monopolio, valori bollati e postali, marche assicurative e fondqzioni similari, si considerano ricavi gli aggi percepiti spettanti ai rivenditori.

Ccnl fondazioni lyreco sinfoniche 2012 movie

Le disposizioni di cui ai commi da 17 a 22 si applicano a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, entro trenta giorni dalla data di entrata in sibfoniche della presente legge, possono essere adottate fondazinoi per l’attuazione dei predetti commi. Al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobren.

I soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato esercenti attivita’ d’impresa, arte o professione, per i quali ricorrano congiuntamente i vincoli finanziario, economico e organizzativo di cui all’articolo ter, possono divenire un unico soggetto passivo, di seguito denominato “gruppo IVA”.

Non possono partecipare a un gruppo IVA: Si considera sussistente un vincolo economico tra soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato sulla base dell’esistenza di almeno una delle seguenti forme di cooperazione economica: Si considera sussistente un vincolo organizzativo tra soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato quando tra detti soggetti esiste un coordinamento, in via di diritto, ai sensi delle disposizioni di cui al libro quinto, titolo V, capo IX, del codice civile, o in via di fatto, tra gli organi decisionali degli stessi, ancorche’ tale coordinamento sia svolto da un altro soggetto.

  CALENDARIO LEGA PRO PRIMA DIVISIONE GIRONE A PDF

Salvo quanto disposto dal comma 5, se tra i soggetti passivi intercorre il vincolo finanziario di cui al comma 1, si presumono sussistenti tra i medesimi anche i vincoli economico e organizzativo di cui ai commi 2 e 3. Per dimostrare l’insussistenza del vincolo economico o di quello organizzativo, e’ presentata all’Agenzia delle entrate istanza di interpello liico sensi dell’articolo 11, comma 1, lettera lliricodella legge 27 luglion. Il vincolo economico si considera in ogni caso insussistente per i soggetti per i quali il vincolo finanziario di cui al comma 1 ricorre in dipendenza di partecipazioni acquisite nell’ambito degli interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione dei crediti verso imprese in temporanea difficolta’ finanziaria, di cui all’articolocomma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembren.

Per dimostrare la sussistenza del vincolo economico e’ presentata all’Agenzia delle entrate istanza di interpello ai sensi dell’articolo 11, comma 1, lettera bdella citata legge n.

Il gruppo IVA sinfonlche costituito a seguito di un’opzione esercitata da tutti i soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato per i quali ricorrano congiuntamente i vincoli finanziario, economico e organizzativo di cui all’articolo ter. In caso di mancato esercizio dell’opzione da parte di uno o piu’ dei soggetti di cui al periodo precedente: L’opzione di cui al comma 1 e’ esercitata mediante la presentazione, in via telematica, da parte del rappresentante del gruppo, della dichiarazione di cui all’articolo duodecies, comma 5, nella quale sono indicati: Permanendo i vincoli di cui all’articolo ter, l’opzione e’ vincolante per un triennio decorrente dall’anno in cui la stessa ha effetto.

Trascorso il primo triennio, l’opzione si rinnova automaticamente per ciascun anno successivo, fino a quando non e’ esercitata la revoca di cui all’articolo novies. Resta fermo quanto disposto dal comma 1, lettera b. Se negli anni di validita’ dell’opzione di cui al comma 1 i vincoli economico e organizzativo di cui all’articolo ter, commi 2 e 3, si instaurano nei riguardi dei soggetti che erano stati esclusi dal gruppo IVA ai sensi del comma 5 del medesimo articolo, ovvero se il vincolo finanziario di cui all’articolo sinfonichr, comma 1, si instaura nei riguardi di soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato relativamente ai quali non sussisteva all’atto dell’esercizio sinfnoiche, i predetti soggetti partecipano al gruppo IVA a decorrere dall’anno successivo a quello in pirico tali fodnazioni si sono instaurati.

In tal caso, la dichiarazione di cui al comma 2 deve essere presentata entro il novantesimo giorno successivo a quello in cui tali vincoli si sono instaurati.

In caso di mancata inclusione di un soggetto di cui al primo periodo nel gruppo IVA, si applicano le disposizioni del secondo periodo del comma 1. Le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate da un soggetto partecipante a un gruppo IVA nei confronti di un altro soggetto partecipante allo stesso gruppo Sinfoinche non sono considerate cessioni di beni e prestazioni di servizi agli effetti degli articoli 2 e 3. Le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate da un soggetto partecipante a un gruppo IVA nei confronti di un soggetto che non ne fa parte si considerano effettuate dal sinfobiche IVA.

Le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di un soggetto partecipante a un gruppo IVA da un soggetto che non ne fa parte si considerano effettuate nei confronti del gruppo IVA.

Gli dcnl e i diritti derivanti dall’applicazione delle norme in materia di imposta sul valore aggiunto sono, rispettivamente, a carico e a favore del gruppo IVA.

L’eccedenza di imposta detraibile risultante dalla dichiarazione annuale relativa all’anno precedente al primo anno di partecipazione al gruppo IVA non si trasferisce al gruppo medesimo, ma puo’ essere chiesta a rimborso, anche in mancanza delle condizioni di cui all’articolo 30 del presente decreto, ovvero compensata a norma dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglion.

La disposizione di cui al primo periodo non si applica per la parte dell’eccedenza detraibile di ammontare pari ai versamenti dell’imposta sul valore aggiunto effettuati con riferimento a tale precedente anno.

ccnl fondazioni lyreco sinfoniche pdf free – PDF Files

Il rappresentante di gruppo adempie gli obblighi ed esercita i diritti di cui all’articolo quinquies, comma 4, nei modi ordinari. Il rappresentante di gruppo e’ il soggetto che esercita il controllo di cui all’articolo ter, comma 1. Se il predetto soggetto non puo’ esercitare l’opzione, e’ rappresentante di gruppo il soggetto partecipante con volume d’affari o ammontare di ricavi piu’ elevato nel periodo precedente alla costituzione del gruppo medesimo.

Se il rappresentante di gruppo cessa di far parte del gruppo IVA senza che vengano meno gli effetti dell’opzione per gli altri partecipanti, subentra quale rappresentante di gruppo un altro soggetto partecipante al gruppo IVA, individuato ai sensi del comma 2, con riferimento all’ultima dichiarazione presentata.

La sostituzione ha effetto dal giorno successivo alla cessazione del precedente rappresentante di gruppo ed e’ comunicata dal nuovo rappresentante di gruppo con la dichiarazione di cui all’articolo duodecies, comma 5, entro trenta giorni.

Il rappresentante di gruppo e’ responsabile per l’adempimento degli obblighi connessi all’esercizio dell’opzione. Gli altri soggetti partecipanti al gruppo IVA sono responsabili in solido con il rappresentante di gruppo per le somme che risultano dovute a titolo di imposta, interessi e sanzioni a seguito delle attivita’ di liquidazione e controllo.

La revoca dell’opzione esercitata ai sensi dell’articolo quater e’ comunicata dal rappresentante di gruppo con la dichiarazione di cui all’articolo duodecies, comma 5, sottoscritta anche dagli altri soggetti partecipanti al gruppo IVA.

La revoca dell’opzione opera nei riguardi di tutti i soggetti partecipanti al gruppo IVA.